Fonte: Il SOLE 24 ORE

Con il decreto Scia la manutenzione straordinaria non è più un’attività edilizia libera

Le ultime decisioni del Consiglio di Stato sulle attività di edilizia libera e gli interventi di manutenzione

Attività  edilizia libera – Manutenzione ordinaria e straordinaria – Frazionamento – Attività di manutenzione straordinaria – Art. 6 e art. 6 bis Testo unico edilizia (DPR 380/2001) – Cila – Realizzazione senza attesa dell’autorizzazione comunale – Possibilità – Realizzazione difforme rispetto alla normativa sovraordinata – Illegittimità.

Non c’è alcun dubbio che il nuovo articolo 6 bis del TUE abbia sottratto l’attività di manutenzione straordinaria, fra cui l’intervento di frazionamento, al novero delle attività di edilizia libera disciplinate dall’art. 6 TUE e oggi può essere attuata solo se non preclusa dal piano o dal regolamento edilizio. L’articolo 6 prevedeva la possibilità di effettuare l’intervento di frazionamento senza alcun titolo abilitativo ma solo previa comunicazione di inizio lavori all’amministrazione comunale. Ciò però non sta a significare che il proprietario fosse libero di effettuare tali interventi anche in contrasto con la disciplina urbanistica applicabile all’immobile perché pur essendo necessario attendere la previa autorizzazione comunale, tale attività non poteva essere effettuata in modo difforme dal punto di vista sostanziale rispetto alla normativa sovraordinata.

 

http://www.ediliziaeterritorio.ilsole24ore.com/art/citta-e-urbanistica/2018-11-21/con-decreto-scia-manutenzione-straordinaria-non-ne-piu-attivita-edilizia-libera-173118.php?uuid=AEfyv3kG